Agosto 6, 2020Nessun commento

Né vendetta né pornografia: la mia intervista per FanPage

Per quanto riguarda Telegram e la condivisione non consensuale di materiale intimo, ho rilasciato un'intervista alla bravissima Annalisa Girardi di Fanpage per parlare dello studio condotto insieme a Lucia Bainotti e in pubblicazione su Social Media + Society. Per comprendere il fenomeno, è infatti necessario studiarne le radici culturali e sociali. Riporto di seguito il testo integrale dell'intervista e lascio il link all'articolo alla fine del post.

Sono anni che sentiamo parlare di Revenge Porn e il dibattito pubblico nel 2019 ha anche portato alla creazione di una legge ad hoc: chi diffonde materiale intimo a contenuto sessualmente esplicito senza il consenso del soggetto rappresentato rischia ora la reclusione da 1 a 6 anni e una multa che può andare dai 5 mila ai 15 mila euro. Nonostante il quadro normativo da circa un anno tenga conto di quanto questa pratica sia diffusa e pericolosa, la legge non basta. Il problema è culturale ed è profondamente radicato nella società italiana. Il revenge porn oggi è un reato, ma rimane ampiamente diffuso nel nostro Paese. Ci siamo infiltrati in una delle chat di Telegram in cui ogni giorno 53 mila iscritti si scambiano immagini intime di migliaia di ragazze senza il loro consenso, dove commenti denigratori, sessisti e umilianti sono nella norma. Materiale pedo-pornografico, incitazione allo stupro e legittimazione del femminicidio: è questa la quotidianità di alcune chat sul social network.

La polizia postale ha raccontato a Fanpage.it come spesso l'intervento delle forze dell'ordine risulti estremamente complicato, in quanto la piattaforma risponde alla giurisdizione statunitense e non alle leggi italiane. L'autorità non è però impotente e in alcuni casi è riuscita a far chiudere i canali in cui veniva diffuso questo tipo di materiale. Ma spesso per ogni chat chiusa se ne forma un'altra, della stessa natura, dove gli utenti migrano in massa. Ma pensare che il problema sia Telegram non risolve la questione. Che è più legata alla violenza di genere e a una cultura sessista prima che ai social media. Tuttavia, senza dubbio la piattaforma lanciata nel 2013 da Telegram LLC, fondata a Dubai dall'imprenditore russo Pavel Durov insieme al fratello Nikolai, gioca un ruolo nella diffusione del fenomeno. Ma perché proprio Telegram? Lo abbiamo chiesto a Silvia Semenzin, PhD candidate in Sociologia Digitale all'Università degli Studi di Milano e attivista per i diritti digitali che nel 2018 si è fatta promotrice di una campagna contro il revenge porn arrivata fino alla Camera dei deputati.

Perché proprio Telegram?
Insieme alla collega Lucia Bainotti (PhD candidate in Sociologia Digitale all'Università degli Studi di Torino), la sociologa ha portato avanti un'indagine sull'utilizzo di Telegram per la diffusione non consensuale di immagini intime, entrando in 50 chat italiane. Uno studio che ha analizzato la diffusione di questa pratica attraverso la piattaforma, mettendo in primo piano le questione della mascolinità tossica e dell'oggettificazione della donna. "I luoghi virtuali forniscono senz’altro uno spazio alla violenza per diffondersi, amplificarsi e, sotto un certo punto di vista, diventare più visibile. Ma è importante analizzare i comportamenti tossici online mettendoli sempre in relazione con le strutture sociali e culturali preesistenti", racconta Semenzin a Fanpage.it, sottolineando come "le piattaforme non sono neutrali e la loro architettura riflette senz’altro una serie di valori dominanti nella società che spesso rinforzano stereotipi e discriminazioni".

Partendo da questo presupposto, nel loro report le due ricercatrici si sono interessate al modo in cui "l’architettura di una piattaforma come Telegram si interseca alla cultura dominante". Mentre altre piattaforme, come ad esempio Facebook, negli anni hanno iniziato a introdurre politiche più restrittive arrivando a rimuovere specifici contenuti, Telegram può contare su un quadro regolamentare decisamente più allentato. Inoltre, la moderazione dei contenuti fa riferimento alle segnalazioni degli utenti più che a interventi e controlli da parte degli amministratori della piattaforma. "Telegram è una piattaforma di messaggistica criptata che permette la creazione di grandi gruppi di chat (fino a 200.000 utenti) e canali (a numero illimitato), quindi offrendo la possibilità di formare community online molto ampie. Telegram inoltre consente di utilizzare uno pseudo-anonimato: ciò significa che per gli utenti è più difficile essere rintracciati (anche se non impossibile) grazie all’uso di crittografia end-to-end e il fatto che la piattaforma non richieda dati personali oltre al numero di telefono per iscriversi. Per queste ragioni Telegram è diventata una piattaforma preferenziale per lo scambio di materiale illecito", spiega Semenzin.

Non è goliardia, è violenza
Telegram contribuisce a creare un ambiente in cui un uomo che diffonde video o delle immagini intime senza il consenso della donna ritratta non viene colpevolizzato. Tutte le reazioni vengono trasferite sulla donna, che diventa oggetto del piacere dell'uomo, ma soprattutto della sua violenza. E questa potrebbe essere più diffusa di quanto non pensiamo: "Ad un certo punto, poco più di tre anni fa, vengo a conoscenza dell’esistenza di chat maschili tra alcuni conoscenti, le classiche chat ‘da spogliatoio’, dai nomi tipo ‘Donne tutte puttane’. Decido allora di andare più a fondo e cercare di capire che tipo di materiale venisse condiviso in chat con nomi del genere. Scopro allora che non solo la chat serviva alla condivisione di selfie intimi delle ragazze con cui questi ragazzi uscivano, ma venivano anche raccolti sistematicamente foto, video e addirittura audio intimi, fatti di nascosto con videocamere e microfoni occulti. Il tutto al fine di fare gruppo, fare branco. Perché quando riuscivano a rubare foto intime nuove alle ragazze, si schiacciavano il cinque e si sentivano immediatamente più forti", racconta Semenzin.

In quelle chat c'erano anche molte ragazze che la ricercatrice conosceva. Ma per aver denunciato il fenomeno e quella che definisce una "violenza sistematica" afferma di essere stata derisa: in molti hanno replicato semplicemente che "i maschi fanno così, si sa", per cui quelle chat non sono altro che qualcosa di goliardico e fondamentalmente normale. "Questo è esattamente il risultato di quella che in sociologia si denomina cultura dello stupro", continua Semenzin, che ha deciso di iniziare una campagna per denunciare gli abusi su internet e sensibilizzare sul fenomeno.

Il reato di revenge porn nel quadro normativo
La questione ha ricevuto sempre più attenzione mediatica, ma anche politica. Ed è così che, passaggio dopo passaggio, si è arrivati a una legge contro il revenge porn. La penalizzazione di questa pratica è stata inserita nella legge numero 69 del 19 luglio 2019, nota come Codice Rosso. Presentata nel primo governo di Giuseppe Conte dal ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, e dall'allora ministra della Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno, la legge mira a tutelare le donne vittime di violenza di genere. "Tuttavia, in Italia siamo ancora lontani dal prendere delle misure serie ed effettive contro questo tipo di violenza, perché ancora la banalizziamo e la sminuiamo. Per questo, ancora non siamo riusciti a concettualizzare collettivamente lo stupro digitale come una forma di violenza massiva contro le donne, ma continuiamo a parlarne in termini di pura violazione della privacy", rimarca Semenzin.

Che aggiunge poi come troppo spesso il revenge porn venga considerato ancora un problema privato tra due persone, spesso una donna e l'ex compagno che si vendica per essere stato lasciato. "Quello che questi gruppi su Telegram ci dimostrano invece è come la condivisione non consensuale di materiale intimo faccia parte di una violenza strutturale e sistematica contro le donne, frutto di una cultura ancora fortemente patriarcale", ribadisce però la sociologa. Quando un fenomeno è così radicato nella cultura e nella società, lo strumento giuridico spesso non basta. Non è sufficiente una legge per sradicare una pratica diffusa e in un certo senso legittimata dalla stessa cultura in cui questa si dirama.

Il problema non è Telegram, è una società misogina
E Semenzin lo spiega molto chiaramente: "Il fatto che Telegram fornisca la possibilità di creare gruppi enormi o di nascondersi dietro a uno pseudo-anonimato, permette infatti ad alcuni gruppi di uomini di perpetrare la violenza di genere in maniera più sistematica, addirittura arrivando ad automatizzarla come nel caso dell’uso di bot (che permettono di archiviare materiale nelle diverse categorie, come può essere ad esempio anche il nome di una ragazza; ndr), ma la violenza di genere non nasce con Telegram. Parte tutto dalla socializzazione, dalla cultura. Se capiamo questo, allora capiamo anche che il problema non è soltanto Telegram o il tipo di funzioni che offre: il problema è soprattutto l’uso che se ne fa, che è causato da problemi profondamente radicati nella società". Nel loro studio le sociologhe parlano di "funzioni genderizzate" delle piattaforma: con questo concetto si vuole sottolineare che proprio quelle funzioni che favoriscono lo scambio tra allargate comunità di uomini di materiale intimo senza il consenso della donna ritratta e permettono loro di denigrarle, insultarle e di fatto abusarle digitalmente, non sono viceversa utilizzate in contesti femminile. Non si è mai sentito (ad oggi) parlare di chat di gruppo in cui 50 mila donne umiliano gli uomini diffondendone immagini intime o video realizzati di nascosto durante un rapporto sessuale.

Non ci si deve stancare di ripeterlo. Il problema non è Internet o i social media: è una cultura e una società in cui il sessismo viene normalizzato. "La condivisione non consensuale di materiale intimo è un’altra espressione di maschilità egemonica. Come nello stupro e nelle molestie sessuali, è il potere ad essere centrale e non il sesso. Anche perché il sesso necessita di consenso e qui è proprio la mancanza di consenso ad eccitare, perché genera la sensazione di star dominando, controllando e in certo senso rimettendo le donne al loro posto", aggiunge Semenzin. La sociologa sottolinea come il corpo della donna continui ad essere visto solo in funzione del desiderio maschile: viene quindi oggettificato e categorizzato, diventando un prodotto di consumo per gli uomini.

Una legge non basta, puntiamo sull'educazione
"Non è accettabile che questi atteggiamenti vengano considerati normali. E non è normale che ancora ci vengano venduti come comportamenti goliardici e da maschi", prosegue. Goliardia non può mai essere sinonimo di violenza. E la violenza non può essere combattuta solo attraverso strumenti giuridici: riconoscerla come reato non è abbastanza. "Per cambiare una cultura ci vogliono tempo e pazienza. Ma anche se gli strumenti culturali agiscono più lentamente,  sanno essere estremamente più efficaci della sola ricerca di punizioni o censura di comportamenti", commenta Semenzin. La sociologa quindi sottolinea l'importanza di includere sia l'educazione sessuale ed affettiva che quella digitale all'interno delle scuole. "Se in Italia ancora ci rifiutiamo di parlare di genere e sessualità la conseguenza è che i giovani ricerchino nella pornografia le risposte alla propria curiosità (e la pornografia presenta ancora una serie di stereotipi tossici sul sesso)", aggiunge poi. Sottolineando come anche la terminologia sia importantissima: "Anche chi si occupa di comunicazione dovrebbe cominciare a fare più attenzione ai termini che usa, al modo in cui parla di violenza di genere e alle storie che decide di trattare. Più che focalizzarci sulle storie personali delle vittime facendo sensazionalismo o giustificare i carnefici come spesso succede con le storie di stupro, bisognerebbe parlare di come questi uomini arrivino a sentirsi autorizzati a  compiere determinati atti".


Una legge non basta, puntiamo sull'educazione
"Non è accettabile che questi atteggiamenti vengano considerati normali. E non è normale che ancora ci vengano venduti come comportamenti goliardici e da maschi", prosegue. Goliardia non può mai essere sinonimo di violenza. E la violenza non può essere combattuta solo attraverso strumenti giuridici: riconoscerla come reato non è abbastanza. "Per cambiare una cultura ci vogliono tempo e pazienza. Ma anche se gli strumenti culturali agiscono più lentamente,  sanno essere estremamente più efficaci della sola ricerca di punizioni o censura di comportamenti", commenta Semenzin. La sociologa quindi sottolinea l'importanza di includere sia l'educazione sessuale ed affettiva che quella digitale all'interno delle scuole. "Se in Italia ancora ci rifiutiamo di parlare di genere e sessualità la conseguenza è che i giovani ricerchino nella pornografia le risposte alla propria curiosità (e la pornografia presenta ancora una serie di stereotipi tossici sul sesso)", aggiunge poi. Sottolineando come anche la terminologia sia importantissima: "Anche chi si occupa di comunicazione dovrebbe cominciare a fare più attenzione ai termini che usa, al modo in cui parla di violenza di genere e alle storie che decide di trattare. Più che focalizzarci sulle storie personali delle vittime facendo sensazionalismo o giustificare i carnefici come spesso succede con le storie di stupro, bisognerebbe parlare di come questi uomini arrivino a sentirsi autorizzati a  compiere determinati atti".

Revenge porn non è né vendetta né pornografia
In effetti, anche la stessa espressione revenge porn potrebbe rappresentare un problema, andando a interiorizzare nella sua definizione proprio quella cultura in cui prevale un'idea tossica di mascolinità e una colpevolizzazione della vittima. Sì, perché il revenge porn non ha nulla a che vedere con i concetti di  revenge o di porn. Se si parla di vendetta, si dà per scontato che la vittima abbia fatto qualcosa che meriti una punizione, e nemmeno la pornografia ha molto a che fare con la condivisione non consensuale di immagini intime. Questa è una violenza di genere che va chiamata con il suo nome. "Il nostro lavoro ha cercato di capovolgere il dibattito smettendo di concentrarsi sul ruolo della vittima e sulle sue eventuali ‘colpe’, e cominciando invece a riflettere sul ruolo dei carnefici e sulle cause che spingono migliaia di persone a incontrarsi online per scambiarsi foto di donne senza il loro consenso", conclude Semenzin.

Sottolineando come sia fondamentale in questo senso approfondire le espressioni dell'omosocialità, cioè delle "relazioni tra uomini che rappresentano una importante dimensione nella creazione e validazione della maschilità" in quanto "si ritiene che l’espressione della maschilità e il riconoscimento da parte dei propri pari parta proprio dal disporre del corpo femminile a proprio piacimento". Una pratica che non può e non deve essere legittimizzata, ma percepita come ciò che effettivamente è: violenza di genere contro le donne.


Link all'articolo originale https://www.fanpage.it/politica/il-revenge-porn-non-e-ne-vendetta-ne-pornografia-e-violenza-di-genere-contro-le-donne/

Aprile 20, 2020Nessun commento

Telegram, ‘revenge porn’ and the construction of masculinities

The pre-print of our work is out! You can download the full draft following this link to ArXiv

Here an English interview I did with NSSGCLUB on the topic: https://www.nssgclub.com/en/pills/21778/come-si-combatte-il-revenge-porn

La nostra ricerca presentata durante l'evento di Tlon e Bossy su responsabilità maschile nella diffusione non consensuale di materiale intimo: qui il link all'evento online

Il nostro testo letto da Andrea Colamedici in chiusura:

La necessità di comprendere in maniera più sistematica in che modo l’uso di tecnologia digitale è diventato responsabile dell’aumento e proliferazione di una violenza che colpisce con forza le donne e la loro autonomia, la loro voce e il loro corpo, ha spinto Silvia Semenzin e Lucia Bainotti, ricercatrici in Sociologia Digitale, ad approfondire attraverso la ricerca scientifica il fenomeno dell’intimidazione e umiliazione delle donne in rete e la sua relazione con forme di violenza di genere già esistenti. 

È questo il caso di una specifica e odiosa forma di violenza online contro le donne, tornata sotto ai riflettori in queste settimane con un’inchiesta di Wired, ma già tristemente famosa nel nostro paese dopo la morte di Tiziana Cantone: il ‘revenge porn’, una forma di umiliazione del femminile talmente subdola e diffusa che la parola stessa ‘revenge porn’ risulta limitante per comprendere la vastità del fenomeno. 

Dovremmo innanzitutto parlare di condivisione non consensuale di materiale intimo e privato per riuscire ad afferrare le cause di una violenza che fino a oggi si muoveva indisturbata nell’ombra, nonostante le sue conseguenze psicologiche e sociali siano devastanti e difficilmente cancellabili.

Perché non è solo la voglia di vendetta che spinge migliaia di uomini a incontrarsi su Telegram per scambiarsi foto intime e non consensuali di donne, così come non è di tipo pornografico (che per definizione è consensuale) il materiale preso di mira da questi uomini e ragazzi. Non è solo la voglia di punire una donna per un torto subito a diventare l’agente causante della violenza, ma è piuttosto la necessità di reclamare il dominio maschile sul corpo femminile. Il revenge porn è una catena dell’odio che nasce dalla necessità di affermarsi all’interno di un gruppo e farsi riconoscere dai propri pari come ‘vero maschio’ e ‘virile’, diventando il motore di vere e proprie molestie sessuali che troppo spesso finiscono per essere giustificate come gioco e goliardia da chi le commette e dal resto della società.

Entrando nella chat misogine di Telegram non ci troviamo infatti di fronte a soli stupratori e pedofili. Molti di quelli che assistono e partecipano alla diffusione della violenza in chat sono ragazzi e uomini comuni che spesso non si rendono nemmeno conto di star commettendo violenza, perché nati e cresciuti in una società che li ha sempre incoraggiati ad adottare dei comportamenti tossici. La normalizzazione di questo fenomeno, rinforzata dalla colpevolizzazione delle vittime stesse, viene definita Cultura dello Stupro: quello che avviene in quelle chat, infatti, è a tutti gli effetti stupro digitale.  

L’oggettificazione e mercificazione del corpo femminile, la criminalizzazione della libertà sessuale delle donne e la negazione del loro consenso nella condivisione di materiale privato che le ritrae, diventano parte integrante di un gioco tra uomini che disumanizza il soggetto femminile privandolo di qualsiasi valore che vada al di là del pretto consumo a servizio del desiderio maschile. Le conclusioni della ricerca hanno messo in chiaro quello che già si era sospettato: non si tratta puramente di un problema tecnologico o legale, ma piuttosto profondamente culturale e di genere. 

In questo gioco, le piattaforme digitali risultano mediatrici non neutrali della violenza. Non è l’esistenza stessa della piattaforma a essere problematica, ma è l’uso che se ne fa: l’architettura della piattaforma suggerisce, e in alcuni casi permette e amplifica, alcuni tipi di comportamento, ma il modo in cui le funzioni delle piattaforme vengono utilizzate dipende dalle scelte comportamentali dell’essere umano. In una società in cui già esistono forti gerarchie di potere, l’attivazione degli stessi meccanismi di violenza che vediamo offline è strettamente consequenziale ai ruoli di genere già insiti culturalmente. Nello specifico, Telegram offre ai suoi utenti la possibilità di agire in una sorta di anonimato all’interno di chat in cui facilmente si instaurano relazioni tra pari, rappresentando quindi un contesto favorevole  alla proliferazione di ‘revenge porn’ e discorsi misogini in un clima di apparente impunità. 

Perché non esistono chat di 60mila donne che si scambiano foto di uomini nascoste dietro a uno pseudo-anonimato? E perché non esistono bot che automatizzano la diffusione dei numeri di telefono di giovani ragazzi e le loro foto intime?
Per rispondere è necessario indagare seriamente sul modo in cui avvengono le performance della maschilità e la costruzione di omosocialità tra uomini. Perché il revenge porn è un sintomo culturale di un qualcosa di più grande – quel qualcosa che non riconosce agli uomini la possibilità di piangere o mostrarsi fragili e vulnerabili, in quanto caratteristiche legate al ruolo di genere femminile. È il risultato di una cultura fortemente patriarcale che accetta la violenza di genere come inevitabile e che continua a essere principalmente responsabile di tali comportamenti. 

La condivisione non consensuale di materiale intimo è diventata reato in Italia il 19 luglio 2019 anche grazie all’aiuto di campagne di sensibilizzazione e movimenti dal basso, eppure i recenti avvenimenti ci dimostrano che, in mancanza di un serio cambiamento culturale, la legge da sola non funge da deterrente della violenza. Proprio per questo, è necessario continuare ad agire usando tutti gli strumenti culturali a nostra disposizione.

Gli uomini nello specifico hanno oggi la possibilità di cominciare a rompere la catena della violenza, ripensando al proprio rapporto con i pari e rimettendo al centro il rispetto e l’uguaglianza. Ma se la cultura è responsabilità di tutti, è urgente che ognuno di noi contribuisca a un cambiamento su larga scala, insistendo anche sull’introduzione di programmi di educazione al rispetto e alla parità, così come di educazione civica digitale, senza tralasciare la responsabilità delle piattaforme e i diritti digitali umani.

Rendere il web un luogo più sicuro e inclusivo è ancora possibile, ma per fare questo dobbiamo prima prenderci cura della crescita culturale collettiva, cominciando a sostituire la cultura dello stupro con la cultura del consenso e riflettendo sul tipo di società digitale che vorremo costruire.

 _______

Silvia Semenzin e Lucia Bainotti sono ricercatrici in Sociologia Digitale rispettivamente all’Università Statale di Milano e all’Università di Torino. Insieme, hanno svolto per tre mesi un lavoro di infiltrazione e ricerca in più di 50 gruppi e canali di Telegram dedicati alla condivisione non consensuale di materiale intimo. Al momento in peer review per la pubblicazione, “The use of Telegram for non-consensual dissemination of intimate images. Gendered affordances and the construction of masculinities” è una delle prime ricerche accademiche che utilizza dati italiani per studiare come il più ampio fenomeno della violenza online contro le donne si interseca all’uso di tecnologia digitale.

Febbraio 17, 2020Nessun commento

Aikkonnap x ThePeriod

ThePeriod è la newsletter al femminile ideata da @corinnadecesare (giornalista del Corriere della Sera)
Se hai mandato a qualcuno foto di te nuda, dovresti leggere questo
pezzo. Non sentirti in colpa: il sexting, come il sesso, avviene con
consenso reciproco e attraverso una relazione di fiducia. Se lo hai fatto, èperché hai dato fiducia alla persona con cui stavi chattando in quel
momento.
Proprio come Darieth Chisolm, Pittsburgh, Pennsylvania e come lei tantealtre donne in ogni angolo del pianeta. In alcuni casi però le foto passanoda telefono a telefono e poi da gruppo a gruppo fino a diventare di
dominio pubblico. Sappi che è qualcosa di perseguibile per legge, anche
in Italia dove è stato appena riconosciuto come un reato di genere visto
che riguarda le donne nel 90% dei casi.
Perché il revenge porn, la condivisione non consensuale di materiale
intimo, questo è: un reato, diventato perseguibile anche da noi
attraverso un emendamento al Codice Rosso. Sotto accusa sono finite le
piattaforme responsabili di diffusione della violenza, e una regolamentazione obsoleta e inadeguata che non permette alle vittime di agire in tempo per arginare il danno alla propria reputazione.
«Avevo circa cinque minuti prima di tenere un discorso a un gruppo di imprenditori, quando ho guardato il cellulare per vedere l’ora – ha
raccontato in un TeDX Darieth Chisolm, conduttrice televisiva e business
coach –. Una telefonata di mio marito: Darieth, cosa sta succedendo? Mi ha appena chiamato un tizio che mi ha detto di andare su un sito e ora
mi ritrovo a guardare tutte queste foto di te nuda. Le tue parti intime
sono ovunque».
Darieth non riesce a parlare, non riesce a pensare, non riesce a respirare. È travolta dall’umiliazione e dall’imbarazzo, dalla vergogna, proprio
come tutte le vittime di revenge porn. In Italia si è cominciato a discuteredel problema da poco ma da anni ormai su piattaforme come Telegram ci sono decine di chat popolate da uomini di ogni età dove lo scambio di
foto e video di donne senza il loro consenso è diventato un nuovo modo
di creare rete e divertirsi. Come può una legge da sola, fermare il flusso di foto e video che ogni giorno vengono inviati in queste chat da migliaia diuomini, che poi raccolgono e categorizzano questo materiale in un
gigantesco archivio online chiamato ‘La Bibbia’? Come possiamo pensareche una legge faccia sentire questi uomini meno giustificati a fare ciò chefanno? Nella Bibbia c'è di tutto: dai selfie di ragazze minorenni inviati ai rispettivi fidanzatini fino ai video fatti alle ragazze durante il sesso con
videocamere occulte o scatti rubati dai social network.  
È possibile difenderci da tutto questo? Una donna può ancora vivere la propria vita e la propria intimità in maniera serena nell’era di Internet,
in cui l’assoggettamento e la violenza di genere cercano e trovano nuovi
strumenti con cui espandersi?
Non è facile, ma forse cambiare è ancora possibile. 
L’oggettificazione e la sessualizzazione continua del corpo femminile
sono alla base di questo trattamento degradante per cui diventiamo,
testuale, ‘tutte puttane’ (così il nome di una di queste chat).
Troppo spesso, infatti, normalizziamo e lasciamo che queste azioni vengano etichettate come ‘cose che fanno i maschi’, come se nascere con il
pisello legittimi automaticamente questi comportamenti tossici e violenti.
Riconoscere il problema nella cultura patriarcale che giustifica e
incoraggia questi atti è fondamentale anche per evitare di incolpare le
vittime che subiscono questa profonda umiliazione: se una donna vuole
fotografarsi nuda, ha il diritto di farlo.
Va urlato a gran voce che anche le donne, come gli uomini, sono libere di
fare sesso (anche virtuale) con chi gli pare, senza che nessuno si arroghi
il diritto di trattarle come carne da macello. Reclamare la nostra libertà e la nostra autonomia decisionale nel vivere la nostra intimità come
più ci piace è il primo passo per capire che non siamo sole e che se
subiamo violenza non è colpa nostra e non abbiamo nulla di cui
vergognarci. 
Rompere il silenzio, come Darieth Chisolm, può spezzare la catena
dell’odio. Il suo caso, dopo undici mesi di processi e migliaia di dollari
spesi in cause legali, è diventato un caso di portata internazionale tra
Stati Uniti e Giamaica. Ma questo non basta. Bisogna fare pressione nei
confronti delle piattaforme tecnologiche (Google, Facebook, Whatsapp)
per riprendere il controllo dei nostri dati e della nostra privacy. Oggi più
che mai è necessario creare rete per discutere dei problemi che riguardano le violazioni della nostra intimità online e decidere che passi prendere per creare una società più giusta e sicura per tutti.
Infine, esistono dei piccoli accorgimenti che ognuna di noi può praticare
nella propria vita privata quando decide di fare sexting.
Prima di tutto, dobbiamo essere certe di volerlo fare, senza sentirci
forzate. Una volta che abbiamo deciso per il Sì, dobbiamo "anonimizzare" il più possibile le foto evitando di mostrare il viso o elementi identificativi come i tatuaggi. Una foto erotica non è necessariamente una foto in cui sivede tutto il corpo, ma può essere anche un ritratto di parti di esso.
Ci sono infine dei canali più sicuri per fare sexting, come Telegram o
Signal, che permettono di avere più controllo sul materiale inviato,
mentre applicazioni come Snapchat, Instagram o Messenger sono
altamente sconsigliate poiché conservano tutto.
Prendere precauzioni di questo tipo è sicuramente utile per preservare la nostra intimità, tuttavia, bisogna avere la consapevolezza che una
sicurezza online al 100% non esiste.
Per questa ragione, lottare per un cambiamento culturale e continuare a
discutere di parità dei sessi è indubbiamente la via più efficace per
difendersi davvero dal revenge porn.
È un cammino che richiederà tempo, sforzi e pazienza, ma sono sicura
che insieme ce la faremo.
L'autrice: Silvia Semenzin ha 28 anni ed è ricercatrice in Sociologia
digitale all'Università Statale di Milano. è stata promotrice della petizione
#intimitàviolata con Insieme in rete, I sentinelli e Bossy.

Ottobre 31, 2019Nessun commento

Glossario per comprendere il revenge porn

Quando si parla di revenge porn, viene spesso mossa la critica al troppo uso di termini inglesi che non permette a tutt* di comprendere le sfumature del fenomeno.
Io e delle colleghe sociologhe dell'Università Statale ci siamo sforzate di elaborare allora un glossario comprensivo di tutti i termini (italiani e inglesi) che accompagnano la spiegazione delle cause della condivisione non consensuale di materiale intimo.
La speranza è quella di animare anche a un dibattito che, attraverso una comprensione più approfondita di determinati concetti, riesca a proporre delle traduzioni italiane valide che puntino al riconoscimento della strutturalità della violenza di genere.

Autocensura online: Minaccia alla libertà di espressione del singolo in seguito ad avere subito forme di violenze online. L’individuo può sentirsi portato a modificare il proprio utilizzo di Internet e dei social media, riducendo le forme di espressione di sé (anche attraverso fotografie), o ad evitare pratiche come il sexting (vd). 

Body positivity: movimento sociale che punta alla costruzione dell’autostima, ritenendo ogni corpo valido e meritevole di amore, rispetto e positiva rappresentazione. Per la body positivity, è giusto e positivo scattarsi foto intime sensuali se si vuole, basta solo riflettere bene sulla condivisione e parlare di comunicazione, consenso e fiducia.

Body shaming: Insulto o derisione di qualcuno per il suo aspetto fisico. 

Condivisione non consensuale di materiale intimo online: condivisione di materiale intimo e privato di carattere sessuale senza consenso (vd); la condivisione di questi contenuti viola quindi il diritto alla privacy. 

Consenso: approvare o accordare il permesso di fare qualcosa, ad esempio condividere in rete foto e materiale intimo. Agire senza consenso significa fare qualcosa al di fuori della volontà di chi avrebbe diritto di dire no, quindi violando o ignorando questo diritto.

Colpa: Sentirsi responsabili di qualcosa. In caso di revenge porn, questa strategia viene spesso usata dal carnefice per indebolire la vittima. 

Cyberbullismo: manifestazione digitale del fenomeno del bullismo, è caratterizzato da attacchi offensivi ripetuti in modo sistematico nei confronti di una vittima. Trae forza e vantaggio dalla distanza fisica e dall’anonimato garantite al cyberbullo grazie all’utilizzo della tecnologia  

Cyber-violenza: Equivalente al revenge porn. Questa terminologia è stata usata dal Cyber Civil Right Initiatives per sottolineare l’idea che il revenge porn sia un attacco alla sfera intima e una violenza sessuale, e perciò potrebbe essere giuridicamente considerato come un crimine sessuale. 

Deep fake porn: video porno a cui vengono sostituiti i volti grazie a dei software di intelligenza artificiale.

Doppio standard: meccanismo cognitivo che consente che persone diverse vengano giudicate applicando diversi standard. Ad esempio, un comportamento può essere considerato accettabile se attuato da un gruppo di persone, ma inaccettabile se ad attuarlo è un diverso gruppo. Nel momento in cui il giudizio diventa morale, si parla anche di doppia morale.

Doxxing: condivisione non consensuale di informazioni private e personali, come numero di telefono e indirizzo; 

E-reputation: immagine/reputazione di una persona su Internet. 

Fake news: Informazioni deliberatamente fuorvianti. Spesso cercano di scalfire la reputazione di una persona. 

Genere (identità di): Il genere è l’insieme delle caratteristiche socialmente, storicamente e culturalmente determinate che distinguono la rappresentazione sociale di mascolinità e femminilità. Il senso di appartenenza di ogni persona a tali categorie è indipendente dall’identità biologica (sesso): l’identità di genere può basarsi sul sentirsi uomo o donna o anche sul rifiuto di questa dicotomia. Non ha nulla a che vedere con l’orientamento sessuale.

Hate speech: linguaggio d’odio online. Un tipo di hate speech sessista (vd. sessismo) spesso include offese, minacce e incitamento allo stupro alle donne. 

Io digitale: ciò che ci definisce e ci da forma all’interno del mondo digitale, che comprende anche le tracce che, in maniera più o meno consapevole, lasciamo online. Si riferisce alla nostra immagine digitale, non più separata da quella ‘reale’, che richiede di usare la stessa cautela che usiamo nella vita reale per tutelare la nostra reputazione e quella degli altri.

Mascolinità tossica: Insieme di attitudini e atteggiamenti costruiti socialmente e che identificano il ruolo di genere maschile come violento, forte, virile, aggressivo e non-emotivo. La costruzione di un simile modello esercita una coercizione molto forte sugli uomini, obbligandoli a non riconoscere emozioni, fragilità e debolezze.

Molestia sessuale: qualsiasi atto o approccio a carattere sessuale che non sia né richiesto né desiderato da chi lo subisce

Oggettivazione: strategia psicologica difensiva spesso usata come meccanismo di giustificazione in seguito alla perpetrazione di reati contro la persona, poiché permette la percezione della vittima non in quanto persona, ma in quanto oggetto di cui disporre a piacimento. 

Revenge Porn: un caso particolare di condivisione non consensuale di materiale intimo online (vd) eseguito da un ex-partner con lo scopo di vendicarsi in seguito ad una rottura della relazione. Spesso si usa il termine ‘revenge porn’ per riferirsi alla più generale condivisione non consensuale.

Sessismo: uno dei meccanismi attraverso i quali si manifesta la discriminazione di una persona in base al suo genere, volto a mantenere il potere nelle mani di chi lo esercita. Può essere benevolo (“le donne devono essere protette”, “le donne sono creature fragili”, etc.) o ostile (battute volgari, insulti a sfondo sessuale, delegittimazione attraverso derisione o altro).

Sexting (“sesseggiare”): Scambio di messaggi, foto e video erotici tramite Internet e telefono cellulare. Solitamente si verifica tra due (o più) partner in una relazione di fiducia, ed è una pratica comune sia tra adolescenti che tra adulti. 

Sextortion: Minaccia di pubblicazione di foto e video intimi al fine di estorcere denaro alla vittima. 

Shitstorm: pioggia di commenti aggressivi, volgari e infamanti, volti a sminuire, umiliare e istigare violenza ed odio verso singoli.

Slut shaming: criticare persone, specialmente donne, che hanno preso determinate scelte riguardanti la propria sfera sessuale, es. usare contraccettivi, avere relazioni sessuali, ribadire la proprietà del proprio corpo. Queste ultime vengono identificate come ‘puttane’ e diventano vittime di stigmatizzazione, specialmente sui social network.

Stupro digitale: Fantasie erotiche, spesso inneggianti al culto dello stupro, da parte di un gruppo nei confronti di una persona normalmente coinvolta in atti di condivisione non consensuale.

Upskirting: atto del fotografare di nascosto sotto alla gonna di una donna. 

Victim blaming: spostamento della colpa e dalla sanzione morale e sociale (e talvolta legale) sulla vittima.

Violenza psicologica: Forma di violenza che mira degradare, controllare, inferiorizzare e rendere la vittima psicologicamente dipendente dal suo aggressore La vittima in questi casi si sente insicura di sè, rassegnata e priva di autostima. Tra le forme di violenza psicologica rientrano anche lo stalking e il mobbing.

Ottobre 17, 2019Nessun commento

Perché il revenge porn interessa tutt* noi, ma proprio tutt*

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su I-D Vice e scritto a più mani con le ragazze di Virgin & Martyr.
Virgin & Martyr si occupa di educazione sessuale e di genere, soprattutto attraverso Instagram. Dietro questo pseudonimo si cela un team composto da studenti di psicologia, medicina, sociologia e altre tematiche inerenti la sessualità, il corpo e il piacere. 

Illustrazione di @giulia_lineette

Dall'inizio del 2019 a oggi si discute con sempre più fervore e frequenza del fenomeno del revenge porn, tanto che le stesse istituzioni se ne sono interessate, arrivando ad approvare un emendamento al Codice Rosso che introduce il reato di condivisione non consensuale di materiale intimo. Anche grazie a movimenti di sensibilizzazione (come la campagna di #IntimitàViolata), è stata portata all’attenzione pubblica la necessità di fornire alle vittime strumenti concreti con cui difendersi da attacchi di violenza.

Anche noi abbiamo voluto dare il nostro contributo a diffondere informazione, riflettendo sulle cause che stanno alla base, chiedendoci come possiamo cercare di combattere alla radice una problematica che è prima di tutto culturale e proponendo una piccola guida per comprendere meglio il fenomeno.

Capire le cause

Innanzitutto, che cos’è?

Revenge porn è il termine più noto per descrivere la condivisione in rete di materiale intimo senza il consenso di una o più parti incluse. Tuttavia risulta limitante, rimandandoci unicamente all’immagine più conosciuta: una coppia si lascia, uno dei due - per vendetta o perché gli rode il culo - condivide un video intimo su internet.

Molte condivisioni non consensuali non hanno la “ revenge” come scopo, basti pensare ai tanti casi di hacking ai danni delle celebrità riportati, ai gruppi di chat in cui vengono scambiate foto intime dell’ultima conquista scattate a sua insaputa o utilizzate al fine di ricattare (“sextortion”) e molestare qualcuno.

I motivi di una condivisione non consensuale possono essere molteplici, ma risalgono tutti ad una sorgente culturale comune fatta di tabù e pregiudizi, soprattutto nei confronti di una sessualità ritenuta “non convenzionale” e di chi non ha timore di scoprirla e viverla serenamente.

Nelle dinamiche relazionali poi, dove spesso l’altro viene percepito come una “proprietà”, un tradimento o un qualsiasi torto vengono visti come affronti che meritano una punizione altrettanto umiliante: la gogna pubblica sul web. Lo scopo, infatti, è spesso quello di umiliare o screditare utilizzando contenuti intimi che, anche per questo, continuano ad essere percepiti come materiale di ricatto.

Cambiare la narrativa

Quello del revenge porn è un problema culturale che va eliminato dalla radice, ma come fare?

Prima di tutto, si può contribuire a creare una cultura positiva, rispettosa e libera dai giudizi. Ciò significa imparare a riconoscere gli stereotipi, i pregiudizi e i doppi standard che perpetuiamo o che vediamo attorno a noi, e iniziare a liberarcene.

La libertà sessuale e la condivisione del proprio corpo secondo le proprie regole sono diritti fondamentali, e senza il pieno possesso di questo dogma risulta difficile individuare il vero colpevole, ovvero chi decide di umiliare attraverso una violenza online, compiendo quella che ora è anche un’azione illegale a tutti gli effetti.

Nel 90% dei casi le condivisioni non consensuali avvengono ai danni di una donna, un dato importante che ci porta a più considerazioni: se da una parte è essenziale riconoscere la centralità della libertà sessuale e del desiderio femminile, dall’altra è importante anche riflettere sul concetto di mascolinità tossica e sulla costruzione dello stereotipo del “maschio alfa”, di cui il revenge porn può essere uno strumento potente. Spesso, infatti, si verifica all’interno di chat fra uomini che rafforzano la loro identità maschile attraverso la condivisione di materiale intimo al fine di “fare branco”.

Il restante 10% dei casi colpisce la comunità LGBTQIA+. Anche in questo caso, è interessante osservare come le vittime siano persone di categorie discriminate che si discostano dal modello dominante.

Solo attraverso la liberazione dagli stereotipi e le discriminazioni di genere si eviterà di scivolare nel victim blaming, cioè l’attribuzione della colpa alla vittima della violenza.

Se vediamo o conosciamo qualcuno che commette questo tipo di azioni, anche se pensiamo sia “per scherzo”, agiamo, diciamo qualcosa. Togliere la maschera della normalità è assolutamente essenziale per mostrare la gravità di un comportamento tossico. Se riceviamo un contenuto intimo, cancelliamolo. Se lo salviamo, facciamolo in una cartella criptata, ma avvisando sempre chi ce l’ha mandato: il suo consenso è essenziale.

Allo stesso modo, anche se riceviamo immagini di nudo non richieste (come nel caso delle dickpic), non dobbiamo agire secondo la logica del revenge porn: ricondividerle ci rende carnefici alla stregua di chi ce le ha inviate, con l’aggravante che ciò che stiamo commettendo è un reato. Piuttosto, meglio bloccare il mittente ed eventualmente allertare altre possibili vittime, senza ricorrere all’umiliazione.

Conoscere i propri diritti

Il primo modo per tutelarsi è conoscere i propri diritti, primo fra tutti quello alla privacy.

Da quando Internet è diventato così presente nelle nostre vite, alcuni sostengono che la privacy sia un concetto quasi sorpassato. D’altra parte, avendo le nuove tecnologie contribuito ad assottigliare la barriera tra privato e pubblico, è aumentato il rischio di subire attacchi all’intimità e ai dati personali, di cui il revenge porn è solo una voce della lunga lista che comprende anche doxing, molestie online, stalking e molto altro.

Questo accade, nella maggior parte dei casi, a causa delle tracce digitali che lasciamo, in maniera più o meno consapevole, ogni volta che usiamo internet. Ogni nostro movimento online viene registrato e conservato. Molte volte neanche ce ne accorgiamo e spesso non siamo a conoscenza di chi o come salvi queste informazioni. Per questo motivo, perdiamo il controllo su foto e video dal momento in cui li carichiamo o scambiamo online: da reti Wi-Fi o app che potrebbero registrare i nostri movimenti, a qualcuno che potrebbe salvare i nostri contenuti sul proprio dispositivo e ricondividerli in qualsiasi modo e momento, la nostra privacy viene messa a rischio.

Ma possiamo fare qualcosa: il diritto alla privacy ci consente di avere completa padronanza sui nostri dati, permettendoci di decidere attivamente chi, cosa e come può vedere e archiviare le nostre informazioni.

Possiamo tutti esercitare questo diritto, sia facendo attenzione ai termini di trattamento dei dati personali che spesso accettiamo ad occhi chiusi per non perdere tempo, sia attraverso delle scelte informate sulle tecnologie di comunicazione che usiamo, rivendicando la nostra libertà di scelta.

Esercitare la propria libertà sessuale e di espressione

Questo diritto rappresenta la possibilità di esprimere appieno (ma pur sempre nel limite della legalità e del rispetto altrui) la nostra sessualità, che comprende anche preferenze, fantasie, desideri e gusti di ciascuno, ma implica anche che non ci debbano essere conseguenze negative sull’individuo, a partire dal giudizio esterno non richiesto.

All’interno di questo concetto va fatto rientrare anche il sexting (scambio di messaggi e contenuti a carattere erotico) che, pur essendo sempre più diffuso specialmente tra i giovani, rimane qualcosa di relativamente nuovo di cui non si conoscono ancora bene i contorni e per questo viene spesso visto come una perversione e non come una semplice pratica sessuale nata con la tecnologia. Tolto il contesto e la sua potenziale carica erotica, un corpo nudo rimane per molti un pezzo di carne da giudicare in base a potenziali diversità fisiche e non solo. Per questo, normalizzare il sexting ci permette di rimuovere i giudizi negativi e la vergogna sociale che spesso accompagnano il revenge porn nato da esso.

Denuncia

Con la prima introduzione del reato di “revenge porn” ci si potrà anche appellare al diritto di denuncia. Questo significa che chiunque subisca una violenza virtuale di questo genere avrà la piena possibilità di denunciarla alle autorità competenti, essendo prevista perseguibilità d'ufficio.

Conoscere gli strumenti

Il rischio di subire revenge porn non può e non deve essere un motivo per fare sexting se lo si vuole. Sarebbe un po’ come pensare di smettere di fare sesso perché si possono contrarre delle malattie pur sapendo che esiste la possibilità di prendere precauzioni.

Prima di tutto, valuta sempre, nella tua personale posizione, se un’eventuale condivisione non consensuale potrebbe arrecarti qualche tipo di danno: se così fosse, ci sono vari modi per tutelarsi.

Non basarti sulla fiducia. Non possiamo mai avere la certezza che la persona con cui decidiamo di condividerci rispetti sempre la nostra privacy, per questo è necessario occuparsi in prima persona della propria sicurezza.

Scegli un’app di comunicazione con strategie di sicurezza avanzate, come Signal o Telegram che, oltre ad essere chat criptate (non registrate), offrono la possibilità di “distruggere” automaticamente i media dopo alcuni secondi. Altre app più comuni come Snapchat, Instagram o Messenger non sono consigliate proprio per la mancanza di sistemi tutelanti.

Se vuoi la certezza di non lasciare traccia dei tuoi contenuti, cancella i nudes - anche dal tuo telefono - dopo averli mandati o nascondili in una cartella crittografata. Ci sono alcune app anche per pulire le tracce dei file, come CC Cleaner.

Una volta trovati gli strumenti adatti, passa all’azione in maniera sicura, ma soprattutto piacevole! Premesso che le “regole” del sexting dovresti stabilirle tu in base a gusti e limiti personali, puoi leggere qui la nostra mini-netiquette a riguardo con qualche consiglio.

Se qualcuno ti espone senza consenso, non sei sol*. Ci sono sempre più associazioni, progetti e professionisti che si battono per sostenere le vittime e prevenire le aggressioni, come ad esempio In Your S.H.O.E.S., un progetto italiano che mette a disposizione un team di esperti e contribuisce a creare una nuova cultura sensibilizzando con incontri e materiale informativo.

I tuoi contenuti, la tua scelta

Avere del materiale intimo online non è per forza qualcosa di negativo: molte persone, progetti e artisti di tutto il mondo utilizzano positivamente il corpo, la sessualità e il linguaggio erotico per iniziare importanti e coinvolgenti conversazioni sulla nostra immagine e intimità, e su come vogliamo venga rappresentata, utilizzata e riconosciuta.

Se sei tu a scegliere di pubblicarti e condividerti nel rispetto delle regole di ciascuna piattaforma o ambiente in cui decidi di farlo, nessuno ha il diritto di negartelo.